domenica 3 settembre 2017

AVVERTIMENTO


Associazione  CONCERTODAUTUNNO
Una scelta che non costa nulla ma un prezioso contributo per la promozione della cultura.
se volete potete sostenere il nostro lavoro con una donazione:
Donate un sostegno alle attività di CONCERTODAUTUNNO

Cari lettori, Questo sito/e-zine non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

sabato 12 agosto 2017

Paolo Badiini,contrabbasso

Il percorso artistico di Paolo Badiini si muove da sempre su due binari.

Uno e' quello piu' accademico che si esplica con l'attivita' svolta nelle piu' grandi orchestre sinfoniche d'Europa (tra cui soprattutto la Slovenska Filharmonija di cui e' membro stabile dal 1997, ma anche l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l'Orchestra della Radiotelevisione Svizzera di Lugano, l'orch. dell'Arena di Verona ecc.)e che lo ha portato a collaborare con molti dei piu' grandi nomi del sinfonismo mondiale da Riccardo Muti a Rostropovich, da Carlos Kleiber a Pavarotti, solo per citarne alcuni.

L'altro binario e' quello dell'attivita' jazzistica.
Quest'ultima e' tornata prepotentemente alla ribalta come esigenza artistica ed espressiva in un recente passato dopo un lungo periodo di stasi dovuto principalmente ai fitti impegni concertistici in ambito classico ed alla scelta di mantenere sempre un livello qualitativo di altissimo profilo in ogni performance.
Negli anni passati di attivita' jazzistica, Paolo Badiini ha comunque collaborato con molti nomi di portata nazionale ed internazionale.
Di particolare rilievo sono state le collaborazioni stabili nel trio del pianista Piero Bassini dal 1992 al '96,con il quale ha avuto la possibilita' di esibirsi in vari festivals e teatri italiani; nel Vincenzo Mingiardi trio dal 1993 al 1997; nel trio del chitarrista canadese David Occhipinti e nel quartetto a proprio nome comprendente Davide Ghidoni alla tromba, Mauro Slaviero al sax e Massimo Pintori alla batteria.
Una lunga lista di artisti con cui Paolo Badiini ha collaborato negli anni passati comprende tra gli altri: Piero Bassini, Bob Mover, Robert Bonisolo, Franco D'Andrea, David Occhipinti, Carlo Atti, Davide Ghidoni, Mario Rusca, George Aghedo, Flaco Biondini, Stefania Rava, Richard Galliano, Fabio Jegher, Roberto Cecchetto,Vincenzo Mingiardi, Dario Faiella, PaoloTommelleri, Jeff Siegel, Nana' Vasconcelos,Vanni Stefanini, Hugo Heredia,Valerio Abeni, Saverio Tasca, Alfredo Golino, Beppe Sciuta, Massimo Greco, Jenny B, Tony Moore, Umberto Petrin, Tony Scott, Roberto Magris etc.
Di recente formazione e' il Paolo Badiini 4et con Mario Zara al pianoforte, Gianni Azzali ai sassofoni e Roberto Lupo alla batteria, che propone un repertorio di brani esclusivamente originali. Il nuovo cd di questo quartetto dal titolo "Save the flag" e' in uscita da settembre 2011 edito e distribuito dalla Abeat.
Per contatti e informazioni: Paolo Badiini email: paolo_badiini(at)hotmail.com

Ivana Zecca. clarinetto

Nata in Valtellina, ha iniziato lo studio del clarinetto all’età di otto anni, si è diplomata presso il Conservatorio G. Verdi di Milano, sotto la guida del Maestro Fabrizio Meloni. Ha conseguito la laurea biennale di secondo livello, indirizzo orchestrale, presso il Conservatorio G. Nicolini di Piacenza e il diploma di laurea abilitante in didattica della musica presso il medesimo Conservatorio. Ha seguito corsi di perfezionamento in musica da camera e clarinetto con i Maestri F. Meloni, A. Fantini, P. Beltramini e C. Palermo. Ha studiato direzione d’orchestra, didattica della musica, musicoterapia e ha seguito corsi di vocalità.
Svolge l’attività artistica e professionale sulla base dei principi in cui crede. Risultato di ciò sono le sue creazioni e partecipazioni a diversi progetti, sia in ambito artistico sia organizzativo. Da 25 anni è direttore artistico dell’Associazione Serate Musicali in Valtellina - con la quale ha creato numerosi festival e manifestazioni artistiche nel Nord d’Italia - convinta che il mondo dei suoni oggi sia pervaso da una fusione di stili, da un amalgama di tendenze: classica, flamenco, celtica, balcanica, klezmer, la canzone italiana d’autore, un festival dedicato al tango argentino, e spettacoli di teatro musicale - tutte manifestazioni in cui l’espressione ha un forte contenuto sociale e un senso ultimo verso la comunità.
E’membro consigliere del Comitato Direttivo dell’Associazione Alpi in Scena per lo Spettacolo dal vivo in Provincia di Sondrio.
Suona in Italia e all’estero - Svizzera, Francia, Spagna, Olanda, Germania, Austria, Brasile e Argentina; si è esibita in prestigiosi teatri italiani: Donizetti di Bergamo, Grande di Brescia, Sociale di Como, Comunale di Bologna, Fraschini di Pavia, Alighieri di Ravenna, Ponchielli di Cremona,
Auditorium, Sala Verdi e Dal Verme di Milano, Municipale di Piacenza, per citarne alcuni.
Ha collaborato - e collabora - con le seguenti formazioni cameristiche: Artisti della Scala e Cameristi di Verona, Ensemble Strumentale della Scala, Camerata Opera Ensemble e con le seguenti orchestre: Filarmonica di Milano, Filarmonica di Parma, Orchestra del Litorale Pisano, I Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra del Festival Internazionale di San Giminiano, Orchestra Sinfonica di Lecco, Orchestra Stabile di Como, Civica Orchestra di Fiati, Orchestra di Fiati della Valtellina e Fermo Orchestra di Fiati.
Ha partecipato a numerosi festival e società di concerti, dedicandosi alla letteratura musicale per clarinetto e con molteplici gruppi cameristici: Armonie Ensemble (clarinetto e archi), Serenade Ensemble (archi e fiati), Duo Train de Vie (clarinetto e pianoforte), Duo Calliope (clarinetto e violoncello) e Tasto Nero & Tasto Bianco.
E’ membro fondatore del gruppo BossoConcept - grazie alle sue qualità di project e planning manager ha prodotto - e portato a termine - numerosi lavori:

Jorge A. Bosso, compositore, violoncellista

Nel gennaio 2014 Decca rilascia la sua versione per violoncello e archi de Las Cuatro Estaciones di Astor Piazzolla, eseguita da Enrico Dindo insieme a I Solisti di Pavia. Nel maggio 2014 ha realizzato la premiere delle sue Tre meditazioni per coro misto e violoncello, al Festival Biblico di Vicenza, durante la prolusione tenuta dal cardinale Gianfranco Ravasi. L’anno successivo ha il privilegio di donare la partitura a Papa Francesco, pubblicata dalla Casa Musicale Sonzogno.
Il 21 dicembre 2014 si realizza la premiere di Valentina! Un violoncello a fumetti, per violoncello e archi - commissionata da Enrico Dindo, I Solisti di Pavia e la Fondazione Banca del Monte di Lombardia – in collaborazione con l’Archivio Crepax. Incide nel 2016 il cd/dvd Tangos at an Exhibition! presso LimenMusic col suo ensemble BossoConcept ispirato alla musica della sua città, Buenos Aires.
In ottobre 2016 dirige al Teatro La Fenice Es Muss sein! commissionato da Mario Brunello, per dodici violoncelli, in seguito partecipa alla Cello Biennale di Amsterdam, dove collabora con Daniel Muller Schott e l’Amsterdam Sinfonietta; nel dicembre dello stesso anno esegue il suo concerto Passacaglia in Memoriam con l’orchestra Filarmonica Nazionale del Libano. La maggior parte della sua musica – sia strumentale sia corale - rimanda sempre di più a un’idea concettuale: Kohelet, Duo I e Duo II, Piano Trio, Requiem, Bridges, Der Frühling der Minnesanger (Bach - Bosso), Moshee, Aulularia, Brothers, Je Suis Surikov Kazakh Russe, commissionato dall’amministrazione di Krasnoyarsk, e documentato da un cd/dvd. Le sue opere sono state eseguite in Russia, Austria, Inghilterra, Svizzera, Lussemburgo, Belgio, Norvegia, Svezia, Olanda, Francia, Spagna Israele, Turchia, Croazia, Giappone, Stati Uniti, Canada, Chile, Qatar, Libano e Argentina. Parallelamente ha proposto opere del passato sotto un’altra prospettiva: le orchestrazioni delle sonate per violino e pianoforte di Ravel, Debussy, Strauss scritte per Dora Schwarzberg, e le sonate per violoncello di Debussy nella versione per archi e per orchestra sinfonica, composte per Enrico Dindo e Gavriel Lipkind.
Ha collaborato con musicisti quali Dora Schwarzberg, Ivry Gitlis, Martha Argerich, Lilya Zilberstein, Stephen Bishop Kovacevich, Katia Buniatishvili. Alcune di queste realizzazioni sono state incise dalla casa discografica EMI. Al tempo stesso si considera un compositore che non crede più nella divisione tra le diverse correnti musicali. Fa parte di questo suo pensiero l’ensemble BossoConcept, una formazione poliedrica a organico variabile dal quartetto all’orchestra, creata per proporre nuova musica con la profonda convinzione che il mondo dei suoni sia pervaso da una fusione di stili, da un amalgama di tendenze; alcune più felici di altre, ma - senza dubbio - nell’istante in cui l’associazione di esperienze crea un tutt’uno col bisogno della sua ricezione, il miracolo accade: il prodigio della bellezza del quale l’uomo diventa, involontariamente, testimone.
Jorge A. Bosso e l’ensemble sono presenti regolarmente nelle stagioni concertistiche e nei festival musicali europei. Le opere del gruppo sono state eseguite in Russia, Austria, Inghilterra, Svizzera, Lussemburgo, Belgio, Norvegia, Svezia, Olanda, Francia, Spagna, Israele, Turchia, Croazia, Giappone, Stati Uniti, Canada, Chile, Qatar, Libano e Argentina. 
Al suo attivo ha diverse produzioni musicali originali: 
Gettin’ through the Mood of Tango, con la partecipazione della cantante livornese Nada Malanima.
A la Recherche du Tango Perdu, spettacolo dedicato alla musica di Buenos Aires.
AULULARIA, messa in scena della commedia di Plauto per cinque attori, quartetto vocale e ensemble strumentale, nella traduzione di Roberto Piumini e musiche di Jorge A. Bosso.
Di Mappe, Valli et Laiche Legendae - per cori, soprano, voce recitante, ensemble strumentale e proiezioni multimediali - ispirato alla Valtellina.
Tangos at an Exhibition per ensemble strumentale (registrato in cd/dvd presso gli studi di LimenMusic).
Giuseppe Verdi s’amuse: Cortigiani, follie e un trovatore per quintetto strumentale, soprano e baritono.
Frottole, canoni, ballate madrigali et altre maraviglie per Orlando l’eroe furioso, per quintetto strumentale, tenore, baritono e basso.
In Memoriam – Oriente/Occidente per clarinetto, violoncello e orchestra da camera.
Durante la prossima stagione, debutterà la produzione multimediale MAPS – storia dei suoni del mondo attraverso la cartografia - con la regia/video di Andrea Liberovici e la partecipazione di Elisabetta Pozzi. 
BossoConcept è attivo dal 2001 sul panorama musicale nazionale e internazionale, una formazione poliedrica dal quartetto all’orchestra da camera, creata per proporre nuova musica con la profonda convinzione che il mondo dei suoni sia pervaso da una fusione di stili, da un amalgama di tendenze 

giovedì 10 agosto 2017

2017_08_16 Cigognola concerto ....Sconcerto post ferragosto

Il tradizionale concerto nella frazione Vicomune di Cigognola si terrà mercoledì 16 agosto 2017 (inizio ore 21,15), in Largo di Via Maria Giorgi.

Organizzato dal Comune di Cigognola in collaborazione con la propria civica Biblioteca e l'Associazione culturale L'Officina delle Buone Idee, rientra nel calendario del Festival Ultrapadum, che festeggia quest’anno i 25 anni di musica en plein air e ... di grandi successi.

Protagonista della serata il Duo Sconcerto: Matteo Ferrari (flauto) e Andrea Candeli (chitarra) che, insieme, formano un’irresistibile mistura di arte e tecnica, di bravura e affiatamento, di simpatia e ... follia (musicale, s’intende!).

Il programma del concerto è molto ricco, prevedendo l’esecuzione della Sinfonia n. 40 e della Marcia alla Turca di Mozart; de La Danza di Rossini; della Danza Ungherese n. 5 di Brahms; della Csárdás di Monti, etc.

Programma sì ricco e complesso, ma reso comprensibile a tutti grazie alle qualità che, prima, si attribuivano ai due artisti ospiti (che abbiamo già avuto modo di applaudire nel concerto del 2015).

In caso di cattivo tempo si terrà nella chiesa parrocchiale di San Rocco ai Fondoni, che dista solo qualche passo da Largo di Via Maria Giorgi.

martedì 8 agosto 2017

Maria Malatesta Calabrò, soprano leggero d'agilità

Maria Malatesta Calabrò, soprano leggero italo argentino nata il 12 novembre 1931 a Buenos Aires (Argentina) ha studiato tecnica vocale con Madeleine Mansion, cantante francese.
Si è perfezionata all'Istituto Superiore del Teatro Colòn di Buenos Aires, con Isabel Marengo e Amanda Cetera.
Ha cantato in numerosi concerti a Buenos Aires e provincia, facendo parte del Teatro Sperimentale B.Gigli e debuttando nel ruolo di Elvira ne I Puritani di V.Bellini (Teatro Avenida Buenos Aires sett.1962) dir. M.A.Veltri.  Apparizione nel Macbeth di G.Verdi, Voce dal cielo nel Don Carlos di G.Verdi Teatro Colon di Buenos Aires sett.1962) dir.Fernando Previtali. Oscar nel Ballo in maschera di G.Verdi  alla RAI di Roma dir. Walter Crabeels (Vincitore del premio per direttore d'orchstra 1973).
Ha continuato gli studi privatamente con il M° Baldino, debuttando al Teatro Colòn sotto la direzione di Fernando Previtali.
Ha partecipato ai programmi classici di "Radio Municipal" e "Radio del Estado", accompagnata al pianoforte dal M.° Carlos Malloyer del Teatro Colòn, con il quale ha studiato il repertorio.
Ha continuato gli studi a Milano con la celebre Lina Pagliughi e si è perfezionata con i maestri Ettore Campogagliani e Vladimiro Badiali.
Ha interpretato i ruoli protagonistici del suo repertorio nelle opere quali Rigoletto, Lucia di Lammermoor, I Puritani, La Serva Padrona in diverse località quali Ferrara, Cento, Imperia, Busto Arsizio, Lecco, Tolosa (Francia).
Ha preso parte ai "Concerti in miniatura" alla RAI Radiotelevisione Italiana nelle sedi di Roma, Torino, Milano. Ha cantato con il tenore Angelo Lo Forese, nel concerto in onore del Cancelliere Conrad Adenauer in occasione della sua visita a Villa Carlotta, Lago Maggiore.
Ha tenuto recital e concerti a Milano, Rep.San Marino, Rimini, Varese, Borgio Verezzi, Lodi, Roma, Torino, Terni d'Acqui, Cologno, Parma, Belluno, Aosta, Piacenza, Busto Arsizio, Castellanza, Bologna ed altre città.
Ha partecipato al "Memorial Flaviano Labò" al Teatro delle Erbe (Milano) ed al "Columbus Day", con un recital di canzoni spagnole e centro-sudamericane, e a Parma con il soprano Gabriella Tucci.
Recentemente si è esibita in diversi concerti a Santa Cruz de Tenerife a La Laguna (Isole Canarie). 
Nel 1998 ha partecipato al prestigioso Festival Bach a Compesières (Ginevra) con la Cantata profana BWV206 di J.S.Bach e la Scena della pazzia dalla Lucia di Lammermoor di G.Donizetti.
Ha raccolto vive espressioni di elogio dal tenore Franco Corelli presente al concerto del 28/06/1996.
La sua registrazione dell'Aria delle campanelle dalla Lakmè di L.Delibes, eseguta a Bologna in un concerto del 16/06/96, è stata mandata in onda nella trasmissione "La Barcaccia" su RadioTre il 15/11/1996 insieme alle versioni di Lily Pons, Roberta Peters e Joan Sutherland.
E' stata diretta dai Maestri Fernando Previtali, Graziano Mucci, Tito Petralia, Enrico Pessina, Walter Crabeels, Pietro Argento, Sergio Massaron e V.La Ferla.
Con Franco Patanè ha inciso in USA, un disco con arie dal Flauto Magico, La Sonnambula e Rigoletto.
Negli anni 2004/2005 si è esibita in diverse recite in forma di concerto nel ruolo di Amina (Sonnambula), Gilda (Rigoletto) e in concerti di musica spagnola : De Falla, Obradors, Luna, Rodrigo.
E' stata ospite d'onore alla prima edizione del "Karaoke lirico" condotto da Stinchelli e Suozzo, in Conservatorio Verdi a Milano per la "Notte bianca" il 18/06/2005.

Maria Malatesta Calabrò, soprano
Wolfgang Amadeus Mozart
Il flauto magico, K. 620
Atto II, Scena 8: "Gli angui d'inferno"
Gli angui d'inferno
Mi sento in petto,
Megera, Aletto
Ho intorno a me.
Svelga al fellone,
Pamina il core,
Se il reo non muore, 
Figlia non è.
La lascio, l'abbandono,
Più madre sua non sono,
Paventi il mio furore,
Se non sarà crudel.
Paventi ... ah! tu, l'orrendo
Mio voto ascolta, o ciel.



Maria Malatesta Calabrò, soprano leggero d'agilità

Vincenzo Bellini
LA SONNAMBULA
Come per me sereno 
Oggi rinacque il dì! 
Come il terren fiorì 
Più bello e ameno! 
Mai di più lieto aspetto 
Natura non brillò; 
Amor la colorò 
Del mio diletto.





in collaborazione con


Ultimi aggiornamenti:  
2005
Giugno 2005 Concerto lirico, Sala comunale Comune di Nerviano (MI)
Novembre 2005 Concerto lirico Sala del "Museo del tessile" Busto Arsizio (MI)
Dicembre 2005 Ospite della trasmissione "Ugole d'oro" di Radio Meneghina (MI)
2006
Gennaio 2006 Concerto lirico XV stagione di Classica e lirica tra i navigli Teatro EDI (MI)
Gennaio 2006 Concerto di arie di W.A.Mozart" da Flauto magico Regina della notte Auditorium di Arese (MI)
Settembre 2006, concerto a Palazzo Roncalli di Vigevano per la manifestazione organizzata dalla Pro Loco per la giornata dello sport  "L'agilità della voce".
2007
Concerto di canzoni spagnole e zarzuela Sala del Podestà - Soresina Sabato 28 giugno 2007 ore 21 alle nacchere Gilda Calabrò
2009
21 marzo 2009 Concerto Bel canto di Primavera
01 maggio 2009 Concerto Ben venga maggio
2010
28 febbraio 2010 Galà lirico per la Croce Rossa Italiana
2016
3 aprile 2016 Concerto con Ambrogio Maestri

VERSIONE BREVE Soprano leggero italo-argentino. Inizia lo studio della tecnica vocale con MadeleineMansion celebre cantante francese. Si perfeziona presso l’Istituto Superiore del Teatro Colon di Buenos Aires (Argentina) sua città natale. Debutta nei Puritani di V.Bellini a Buenos Aires e si esibisce nell’ambito di programmi radiofonici e in vari sedi teatrali con opere del suo repertorio. Continua gli studi a Milano con Lina Pagliughi, Ettore Campogalliani e Vladimiro Badiali. Debutta a Cento(Ferrara) nel Rigoletto nel ruolo di Gilda e in altre città: Imperia, Bologna,Parma, Colorno, Milano e all’estero:Toulon (teatro Municipal) Sta Cruz de Tenerife (teatro Guimera’) la Laguna , (Circolo culturale) , Ginevra (Svizzera) Festival Bach. Partecipa nei programmi della RAI Radio 3 di Milano-Torino-Roma nei concerti in miniatura diretta da Tito Petralia- Graziano Mucci – Pietro Argento(orchestra della Rai) Opere del suo repertorio quali:Lucia di Lammermoor – Rigoletto – Sonnanbula –in diverse città italiane . Nel 2004 diverse recite di Sonnambula di V. Bellini nel ruolo di Amina e Gilda nel Rigoletto di G. Verdi. Ha collaborato con altri direttori d’orchestra quali: Franco Patanè (disco LP u.s.a.) Walter Crabeels- Enrico Pessina- Ferdinando Previtali. Il 18-6-05 è ospite d’onore nel I° Karaoke presso il Conservatorio G.Verdi di Milano cantando “scena della pazzia” dalla Lucia di Lammermoor”

lunedì 7 agosto 2017

PROPOSTE ARTISTICHE Barabàn ALPMUSIC

Barabàn ALPMUSIC
Il fascino della musica alpina!
AlpMusic. Musiche, canti e immagini dell'arco alpino
AlpMusic è uno straordinario concerto di Barabàn dedicato alle Alpi: un mix di musiche, canti, immagini e storie per raccontare uno dei luoghi più suggestivi d’Europa.
Danze resiane e occitane, Nouvé, danze carnevalesche, "passioni" canavesane, canti di matrimonio, canzoni della Grande Guerra, valzer e polche delle bandelle si intrecciano a immagini di paesaggi, maschere e balli dei carnevali alpini, antichi rituali, feste.
Ne esce una performance ricca di pathos, adatta agli eventi che si tengono in estate in località turistiche dell'arco alpino.
Barabàn, Estro, passione e travolgente carica folk fanno di Barabàn un unicum nella musica popolare italiana. Sulla scena dal 1982, il gruppo propone spettacoli ricchi di emozioni, vitalità, impasti sonori moderni e accattivanti accordi di voci. Dal 2009 rappresenta in festival, piazze e teatri europei lo spettacolo AlpMusic. 
Contatti 
info@baraban.it
tel. 338 7189841
tel. 339 2658341

giovedì 3 agosto 2017

Sergio Fabian Lavia, chitarra, voce, live electronics

Chitarrista, compositore, performer e sound designer nato a Buenos Aires, di origine italiana. I suoi interessi musicali spaziano principalmente dalla musica classica, contemporanea e le nuove tecnologie, alla musica popolare dell’Argentina e del Brasile, realizzando un dialogo fra questi mondi culturali. Si diploma presso lo “Instituto Musical Odeon di Buenos Aires”. Studia poi composizione alla “Facultad de Bellas Artes de La Plata”, dove vince il Premio alla Produzione Artistica dell’Università. Trasferitosi in Italia, si diploma in chitarra e in composizione/musica elettronica al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano. Si esibisce in alcuni dei più importanti teatri del Sud America, Oceania ed Europa, dove è anche ospite di trasmissioni televisive e radiofoniche. Le sue musiche sono state eseguite da importanti interpreti, utilizzate in video, televisioni e cinema in più di quaranta Paesi nel mondo ed ha suonato con alcuni dei più importanti musicisti del panorama internazionale, quali Riccardo Chailly, Luis Bacalov,   Vinko Globokar, Pete Huttlinger, Nicola Piovani, Vladimir Jurowski, Jorge Lopez Ruiz, Enrico Intra, Daniele di Bonaventura, Sandro Gorli, Oleg Caetani, Eric Hull, Milan Turkovic, Yutaka Sado, tra gli altri.
È ospite di diversi progetti discografici ed editoriali con Decca, Stradivarius, Warner Chappell, Saar srl, Worldmusic. Gli spartiti della sua opera per chitarra sono pubblicati da Les productions d’Oz e da Sinfonica. Dal 1996 al 2012 è chitarrista dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi ed attualmente è insegnate presso il Conservatorio della Svizzera Italiana.

Dilene Ferraz, voce, flauto, percussioni

Una  delle voci più espressive della musica brasiliana, si propone con evidente disinvoltura su un’ampia gamma stilistica, dimostrando sempre padronanza tecnico-vocale e la sensibilità necessaria ad affrontare con il giusto approccio i più diversi repertori musicali. Nata in Brasile, a nove anni studia presso la scuola d’arte “Catavento” della tv “Jornal do Comercio”, emittente della regione di Pernambuco, dove frequenta corsi di dizione, espressione corporale e teatro con Maria Luçia Ribeiro e canto e tecnica vocale con Louzieth Silva Costa.  Presto inizia a cantare nella trasmissione televisiva “Catavento”. Ha inciso dodici dischi, di cui tre in Brasile - il primo a soli quattordici anni - e gli altri sette in Italia. Nel 1986 si trasferisce in Italia e inizia gli studi musicali presso l’Accademia Internazionale della Musica di Milano. Si è fatta subito notare nel nostro Paese, inizialmente grazie ad una collaborazione con gli Articolo 31 nel brano: “Ohi Maria”, in seguito con i Brazilian Love Affair.
Si perfeziona in canto con i maestri Mariella Farina – voice craft -, Shuko Takahashi – canto lirico - e Luisa Castellani – formazione continua. Forma il “Dilene Ferraz Group” e il duo con Sergio Fabian Lavia, progetto vincitore del “Forenza Music Awards”. Nel 2008, assieme a Gabriele Cavadini, Claudio Farinone e Sergio Lavia, fonda il quartetto Aries4, col quale registra il cd “Scene sur mer” per la KLE, dedicato a compositori del ‘900 e contemporanei.

mercoledì 2 agosto 2017

Giuseppe Nova, flauto

Giuseppe Nova è uno dei più rappresentativi flautisti italiani: dopo Diplomi in Italia e Francia (Conservatorio Superiore di Lione) alla celebre Scuola di Maxence Larrieu, ha esordito nel 1982 come solista con l'Orchestra Sinfonica della RAI. Di qui l’inizio di una brillante carriera che lo ha portato a tenere concerti e master Class in Europa, Stati Uniti e America Latina, Asia (Giappone, Cina, Tailandia, Singapore, Corea) esibendosi in celebri festival.
Luigi Giachino, diplomato in pianoforte e composizione con il massimo dei voti al Conservatorio di Torino, ha conseguito un attestato di specializzazione CEE in composizione, arrangiamento e direzione d'orchestra di musica extracolta. Tra i suoi vari committenti: Raidue, TorinoSpettacoli, Ministero dell'Ambiente, Giugiarodesign, Raitre, Università di Torino. Insegna presso il Conservatorio di Torino e in un corso post- laurea dell'Università di Genova. Ha pubblicato musica, libri e dischi, sia come autore sia come esecutore.

Giacomo Serra, pianoforte

Giacomo Serra si è diplomato brillantemente in pianoforte al Conservatorio G.Verdi di Milano con Riccardo Risaliti. E’ laureato in musicologia all’Università di Venezia Cà Foscari.  Dal 1995 è Maestro di Sala e Pianista d’Orchestra del Teatro di San Carlo. ha collaborato  con Giuseppe Sinopoli, Mitislav Rostropovich, Jeffrey Tate, Gustav Kuhn. E’ stato Maestro di Sala all’Accademia  Nazionale di Santa Cecilia e ha suonato come solista con l’Orchestra Scarlatti di Napoli.
L’ingresso alla serata è ad offerta, il concerto si terrà anche in caso di maltempo.

Ilaria Iaquinta, soprano

Ilaria Iaquinta, dopo il diploma al Majella di Napoli, si è perfezionata con Mirella Freni e Sherman Lowe per l’opera italiana, con Antonio Florio per la musica francese e barocca e con Christa Ludwig per il Lied tedesco.
Si è laureata in Conservazione dei beni culturali con una tesi in Storia della  musica su Jacques Offenbach.  Si è esibita presso prestigiose istituzioni e  Festival:  Ravello, St Denis, Kolner Philarmonie di Colonia, Festival international de musique d’Hyères, Festival Les heures poétique et musicale in Normandia, Musicales au Fival, Teatro Verdi di Trieste e La Fenice di Venezia. Con il pianista Giacomo Serra si è esibita in diretta per RAI radio Tre.

lunedì 31 luglio 2017

Girard Quartet

Girard Quartet
Hugues Girard : Violino
Agathe Girard : Violino
Odon Girard : Viola
Lucie Girard : Cello
Composto da membri di una grande famiglia, il Girard Quartet nasce da una passione rivelatasi nella pratica della musica da camera nell'ambito famigliare sin dalla prima infanzia.
Formata dal Quartetto Ysaye al Conservatorio Regionale di Parigi e Miguel da Silva al HEM di Ginevra, Quatuor Girard segue l'insegnamento parallelo di grandi quartettisti all'Accademia Europea di Musica da Camera presso l'Accademia di Musica di Villecroze, ProQuartet al Festival dell'Accademia di Aix-en-Provence, e ben presto inizia a farsi notare in importanti concorsi internazionali. Vincitore del Concorso di Ginevra nel 2011, il quartetto ha vinto l'Academy Award 2010 Maurice Ravel a Saint-Jean-de-Luz, in seguito sarà vincitore della Fondazione Banca popolare e premio HSBC dell'Accademia del Festival d'Aix -en-Provence. 
Attualmente è in residenza presso la Cappella Reale Regina Elisabetta del Belgio dove ha scambi privilegiati con il Artemis Quartet. E 'supportato anche dalla  Fondazione Singer-Polignac.
E' stato ospite in festival prestigiosi in Francia tra i quali Auditorium il Museo d'Orsay, Théâtre du Châtelet, La Folle Journée de Nantes, serate musicali e matinée di Arles, il festival di Deauville, il quartetto Grange de Meslay, e all'estero tra cui la Svizzera, Italia, Belgio, Marocco, Russia, Giappone.
Il Quartetto Girard ha suonato con musicisti del calibro di Philippe Bernold, Maurice Bourgue, Miguel da Silva, Nicolas Dautricourt Henry Demarquette, Yovan Markovich, Jean-Claude Pennetier Raphael Pidoux, François salquë, Dame Felicity Lott
Regolarmente invitato da France Musique (Mardi Idéal, Plaisirs d'Amour, Génération Jeunes Interprètes, Plaisirs du Quatuor...) e Radio Classique, collabora anche con Jean-François Zygel. Il loro primo album pubblicato sotto l'etichetta di Discophiles francese è stato premiato dalla critica (Choice di France Musique, Qobuzissime).
Il Quartetto Girard prosegue anche quest'anno la sua esecuzione completa dei Quartetti di Beethoven  programmati nell'arco di tre anni iniziata nel 2015  presso l'Auditorium di Caen.
Il Quartet combina la sua attività concertistica in uno sforzo costante per diffondere la sua musica verso tutti i pubblici. A questo fine, il Girard Quartet ha già stabilito collaborazioni con diverse scuole primarie e conservatori, e avvicinato centinaia di bambini in tutta la Francia. 
E 'stato in residenza al Teatro di Coulommiers e Palazzo Vecchio Espalion.
Il Quartetto Girard suona su un quartetto di strumenti prodotti tra il 2014 e il 2016 dal liutaio parigino Charles Coquet.

sabato 29 luglio 2017

Michele Fedrigotti, clavicembalo, direttore d'orchestra


Ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio di Milano, diplomandosi in pianoforte e clavicembalo a pieni voti e con lode, e in composizione e direzione d'orchestra. Svolge un'intensa ed eclettica attività musicale come pianista, compositore, direttore d'orchestra e didatta, dedicandosi a un repertorio molto vario, dalla musica antica a quella contemporanea, con un'attenzione particolare a Chopin e all'improvvisazione. Docente di pianoforte dal 1976 al 1995 presso la Civica Scuola di Musica di Milano, dal 1995 insegna nei conservatori di Lecce, Piacenza, Ferrara, Milano e Alessandria. Dal 1997 al 2008 è stato direttore pedagogico e artistico dell'Accademia Vivaldi di Locarno. Ha collaborato con il Teatro alla Scala, I Pomeriggi Musicali, l'Angelicum, l'Università Cattolica di Milano, il Teatro La Fenice di Venezia, il Festival dei Due Mondi di Spoleto, i Teatri Comunali di Bologna e Firenze, il Teatro dell'Opera di Genova, il Teatro Regio di Parma, l'Autunno Musicale di Como, il Teatro Nazionale di Varsavia, il Wielki Teatr di Poznan, l'Orchestra Sinfonica della Radio e Televisione Rumena di Bucarest, l'Orchestra Filarmonica Ceca di Praga, l'Orchestra Nazionale della Moldavia e la Royal Philarmonic di Londra. Ha collaborato con la Compagnia Italiana di Balletto di Carla Fracci e con il corpo di ballo del Teatro alla Scala. Ha lungamente affiancato, come pianista e arrangiatore, Franco Battiato e Alice nella realizzazione di spettacoli e incisioni. Ha partecipato a produzioni teatrali con Teatro Gioco Vita di Piacenza, TAM, Teatro Due di Parma e CRT Artificio, oltre a collaborare con Giuni Russo, Edmonda Aldini, Moni Ovadia, Ferruccio Soleri. Esecutore di prime rappresentazioni o incisioni di opere contemporanee di L. Abatangelo, L. Chailly, F. Battiate, C. Galante, M. Turino, R. Cacciapaglia, D. Lorenzini, L. Einaudi, E. Morricone. 
Oltre che autore di brani da camera e per orchestra e di musiche per il cinema e il teatro. Si è spesso dedicato a produzioni per l'infanzia: sono sue le musiche di Pepe e Stella (2006), 'Ranocchio (2009), Chien bleu (2010), degli spettacoli del Teatro Gioco Vita di Piacenza e, con A. Tavokzzi e C. Sinigaglia, di Sette veli intorno al re (Sony Music, 2004), oltre a CD per bambini e genitori, a sostegno di Emergency, Ecar Mandabe e Tibetan Children's Villages, con la partecipazione di F. Battiate, F. De Gregori, F. Guccini, F. Cigliano, M. Ovadia, F. Taher, N. Kekhog, S. Bollarti, C. Tarante, Don R Simionato. Nel 2009 ha fondato l'Associazione Musicale Kairòs di cui è presidente. In occasione delle celebrazioni del bicentenario chopiniano del 2010, ha partecipato allo spettacolo En attendant Chopin prodotto dal Wielki Teatr di Poznan, con più di trenta repliche in Polonia, all'Havana, a Buenos Aires, a Montevideo e a Santander. Ha eseguito il Primo concerto in mi minore op. 11 di Chopin per l'inaugurazione della stagione 2010/2011 di Milano Classica, suonando un Broadwood del 1849 del tutto identico a quello usato da Chopin nella sua ultima tournée inglese.
Dal 2014 è direttore artistico di Milano Classica, orchestra ed istituzione milanese di lunga ed importante tradizione.  

venerdì 28 luglio 2017

Enrico Onofri, violino, direzione

Enrico Onofri è nato a Ravenna. Ancora studente è invitato da J. Savall come primo violino de La Capella Reial e collabora con ensemble quali Concentus Musicus Wien, Concerto Italiano, Ensemble Mosaiques, etc. Dal 1987 al 2010 Enrico Onofri è stato concertmaster e solista dell’ensemble Il Giardino Armonico. Dal 2002 Enrico Onofri si dedica anche all’attività di direttore, riscuotendo successo di pubblico e critica, e ricevendo inviti da orchestre e festival in tutta Europa, Giappone e Canada. Fino al 2013 è stato direttore principale di Divino Sospiro. Dal 2006 collabora in qualità di direttore invitato con la Orquesta Barroca de Sevilla. Dirige inoltre Camerata Bern, Festival Strings Lucerne, Kammerorchester Basel, Bochumer Symphoniker, Orchestra Ensemble Kanazawa, Cipango Consort Tokyo, Real Orquesta de Sevilla, Orchestre de Clermont-Ferrand, Orchestre de l’Opéra de Lyon, etc. È il fondatore di Imaginarium Ensemble. Riscuotendo i massimi consensi di pubblico e di critica, E. Onofri si è esibito nelle più importanti sale del mondo, collaborando inoltre con artisti quali C. Bartoli, N. Harnoncourt, G. Leonhardt, K. & M. Labèque, C. Coin, etc.
Molti dei numerosi CD (Teldec, Decca, Astrée, Naïve, Deutsche Harmonia Mundi / Sony, Passacaille, Nichion, Winter&Winter, Opus111, Virgin, Zig-Zag Territoires, etc.) da lui incisi sono stati insigniti dei più prestigiosi premi internazionali. Dal 2000 è docente di violino barocco presso il Conservatorio “Bellini” di Palermo, ed è regolarmente invitato a tenere seminari e masterclasses in tutta Europa, Canada e Giappone; è tutor e direttore invitato della EUBO, European Union Baroque Orchestra, e nel 2011 la Juilliard School lo ha invitato a tenere una masterclass a New York.

Mattia Marelli, organo

Mattia Marelli ha iniziato gli studi musicali alla Scuola Diocesana di Musica Sacra e Liturgia “Luigi Picchi” di Como dove, nel dicembre 2007, ha ottenuto il diploma in organo. Ha poi proseguito gli studi organistici al Conservatorio di Musica “G. Verdi” di Como sotto la guida del M° Enrico Viccardi, conseguendo nell’ottobre 2015, con lode, il diploma accademico di primo livello in organo. Attualmente frequenta presso il medesimo Conservatorio il biennio di clavicembalo con il M° Giovanni Togni ed il biennio di Musica Antica con il M° Lorenzo Ghielmi presso la Civica Scuola di Musica “C. Abbado” di Milano.
È organista della Corale Santa Maria dei Miracoli di Morbio Inferiore, delle Parrocchie San Tommaso di Civiglio e S. Andrea di Brunate. Contemporaneamente agli studi musicali, dopo la maturità scientifica, ha frequentato l’Università degli Studi dell’Insubria di Como, conseguendo, con lode, la laurea specialistica in Matematica.

Joel Speerstra, clavicordo

Joel Speerstra, clavicordo studia e insegna organo e strumenti a tastiera all’Academy of Music and Drama dell’Università di Göteborg (Svezia). È attivo come costruttore di strumenti, musicista e musicologo.
Ha studiato organo con William Porter e David Boe al Conservatorio di Oberlin (Ohio, USA), prima di proseguire in Europa grazie a delle borse di studio che gli hanno permesso di studiare organo e clavicordo con Harald Vogel e costruzione di strumenti con John Barnes.
Il suo progetto di dottorato lo ha portato a ricostruire il clavicordo a pedali di Gestenberg e ad un volume pubblicato nel 2004 per la Rochester University Press dal titolo Bach and the Pedal Clavichord: An Organist’s Guide. Ha fatto dimostrazioni per le società di clavicordo del Regno Unito, di Boston e tedesca e per il simposio internazionale di clavicordo a Magnano.
Speerstra è anche membro ordinario delle Accademie d’organo di Göteborg e di Smarano (Italia). La sua attività di ricerca sul clavicordo a pedali è stata insignita di recente del Premio nazionale di musicologia dell’Accademia di Musica svedese.

Quartetto di Liuti da Milano

Il Quartetto di Liuti da Milano è un ensemble dedito al repertorio del Rinascimento e del primo Barocco italiano. Il gruppo nasce nel 2012 a Milano grazie al sostegno della Fondazione Marco Fodella. L’ensemble si pone come obiettivo la ricerca delle potenzialità del liuto nella musica d’assieme.
Convinto del ruolo non unicamente accompagnatore o solistico del liuto, il Quartetto propone come suo repertorio non solo la letteratura liutistica, ma anche composizioni “per ogni sorta di stromenti” e l’esecuzione strumentale di musica vocale.
Nel 2014, Brilliant Classics ha pubblicato il primo disco dell’ensemble, Vita de la mia vita. Il progetto, dedicato al secondo Cinquecento italiano, ha riscosso un ottimo successo da parte della critica internazionale. Il CD è stato presentato al pubblico di Radio 3 con una performance live alla trasmissione La Stanza della Musica. Nel 2016, l’ensemble è stato ospite alla Sala Cecilia Meireles di Rio de Janeiro, al Museo Nazionale di Varsavia e al festival ticinese Cantar di Pietre. Nel 2017, il Quartetto è stato selezionato tra i cinque giovani ensemble europei per lo Showcase del REMA-European Early Music Network a L’Aia.

mercoledì 26 luglio 2017

Giovanni Temporiti, clarinettista

CURRICULUM  DI GIOVANNI  TEMPORITI, nato a Magenta, inizia lo studio del Clarinetto  all’età di 10 anni, nel Corpo Musicale  di Inveruno. Prosegue dopo qualche anno studiando  sotto la guida del M° Giovanni Juliano presso l’Istituto Musicale “ Gaffurio “ di Lodi, ed in seguito  presso l’Istituto “ Luigi Costa “ di Vigevano, dove, sotto la guida del M° Giovanni Gangi, si diploma in Clarinetto al Conservatorio “A. Boito “ di Parma.  Sempre nell’Istituto “ COSTA “ partecipa al corso di Musica d’Insieme formando un Quartetto col quale si esibisce in vari concerti. Nel 1999 fonda il gruppo musicale “Wanderer Ensamble” col quale si  esibisce in numerosi concerti e  lezioni concerto per le scuole. Ha insegnato Clarinetto e Sax in varie scuole di musica e in vari Corpi Musicali, ha collaborato, con incarico professionale in qualità di Clarinettista aggiunto, con la Civica Orchestra di Fiati  del Comune di Milano. Ha suonato  con l’Orchestra di Fiati della Civica Scuola di Musica di  Milano.  Sotto la guida del M° Juliano  ha ricevuto  il premio “Alessandro Asti “ , come miglior   allievo della classe di clarinetto. Ha partecipato al corso di perfezionamento a Veniano (CO) col M° Joop Boerstoel e al seminario di “Direzione per Banda”  col  M° Angelo Bolciaghi  organizzato dalla FE.BA.CO . Ha preso lezioni dal M° Luigi Magistrelli. Ho partecipato al master con il
 M° Valeria Serangeli, M° Paolo Beltramini, M° Lorenzo Guzzoni e presso il conservatorio musicale " Cantelli" di Novara ho partecipato al master con il M° Calogero Palermo.
Per contatti e-mail: g.tempo@tiscali.it

Roberto Chiga, percussioni, tamburello

Nella foto Roberto Chiga
Percussionista, esperto e appassionato delle modi di esecuzione arcaiche del tamburello popolare salentino, che ha acquisito attraverso le frequentazioni con cantori e suonatori tradizionali, nonché con maestri quali Pierangelo Colucci e Alfio Antico, raggiunge in maniera naturale, una propria tecnica che gli permette l’esecuzione delle musiche tradizionali, affiancate e miscelate a quelle moderne, e che lo portano anche a sperimentazioni come quelle avvenute con DJ Gruff, pioniere dello scratch in Italia. 
Attraverso lo studio del tamburello, inoltre, si avvicina ai tamburi a cornice del bacino del mediterraneo, studiando le tecniche e le musiche con grandi maestri quali per esempio Zohar Fresco. L’esperienza lo porta a essere presente in molteplici e disparate situazioni musicali, che variano dalla musica tradizionale, barocca, cantautoriale, al flamenco arabo fino a toccare la musica contemporanea.
Affiancato da Andrea Piccioni, Vincenzo Gagliani e Gian Michele Montanaro, nell’ensemble di percussioni italiane Tamburello Cafè, lavora per portare il tamburello a uno status più elevato e avanzato. Collabora con artisti Italiani ed internazionali e partecipa a un gran numero di Festival Internazionali, ed è inoltre presente in diverse formazioni musicali nonché in diversi lavori discografici salentini e non.